mercoledì , 3 Giugno 2020
Ultima Ora
Home / News / Comunicazioni Varie / “Decreto rilancio” – Misure di sostegno per il turismo e la cultura

“Decreto rilancio” – Misure di sostegno per il turismo e la cultura

AVVISO

Si informa che con DL n. 34/2020 del 19 maggio 2020, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 128 del 19.05.2020 – suppl. ord. n. 21, sono state previste le seguenti misure di sostegno per il turismo e la cultura legate ai tributi locali:

Art. 177 – Esenzioni dall’imposta municipale propria-IMU per il settore turistico

Non é dovuta la prima rata dell’imposta municipale propria (IMU) di cui all’articolo 1, commi da 738 a 783 della legge 27 dicembre 2019, n. 160, relativa a

a) immobili adibiti a stabilimenti balneari marittimi, lacuali e fluviali, nonché immobili degli stabilimenti termali;

b) immobili rientranti nella categoria catastale D/2 e immobili degli agriturismo, dei  villaggi  turistici,  degli  ostelli  della gioventu’, dei rifugi di montagna, delle colonie marine e montane, degli affittacamere per brevi soggiorni, delle case e appartamenti per vacanze, dei bed & breakfast, dei residence e dei  campeggi, a condizione che i  relativi  proprietari  siano  anche  gestori  delle attivita’ ivi esercitate

Predette categorie di contribuenti vorranno tenere conto della previsione di legge suindicata nell’ambito dell’autoliquidazione dell’IMU – prima rata – con scadenza 16 giugno 2020.

Art. 181 – Sostegno delle imprese di pubblico esercizio

Le imprese di pubblico esercizio [1] di cui all’articolo 5  della legge 25 agosto 1991, n. 287, titolari  di  concessioni o di autorizzazioni concernenti l’utilizzazione  del  suolo  pubblico … sono esonerate dal 1° maggio fino al  31  ottobre 2020 dal pagamento della tassa per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche.

I pubblici esercizi aventi diritto all’esenzione che avessero già provveduto al pagamento dell’annualità 2020 vorranno inviare all’Ufficio Tributi a mezzo e-mail: tributi@comunedomaso.it il codice IBAN del proprio conto corrente dedicato ove verrà effettuato il rimborso della quota parte non dovuta (che verrà calcolata d’Ufficio). Coloro che non avessero ancora provveduto al pagamento dell’annualità vorranno contattare l’Ufficio Tributi (tel. 0344/95073) per ottenere il ricalcolo del canone.


[1] I pubblici esercizi sono distinti in:

  1. esercizi di ristorazione, per la somministrazione di pasti e di bevande, comprese quelle aventi un contenuto alcoolico superiore al 21 per cento del volume, e di latte (ristoranti, trattorie, tavole calde, pizzerie, birrerie ed esercizi similari);
  2. esercizi per la somministrazione di bevande, comprese quelle alcooliche di qualsiasi gradazione, nonche’ di latte, di dolciumi, compresi i generi di pasticceria e gelateria, e di prodotti di gastronomia (bar, caffe’, gelaterie, pasticcerie ed esercizi similari);
  3. esercizi di cui alle lettere a) e b), in cui la somministrazione di alimenti e di bevande viene effettuata congiuntamente ad attività di trattenimento e svago, in sale da ballo, sale da gioco, locali notturni, stabilimenti balneari ed esercizi similari;
  4. esercizi di cui alla lettera b), nei quali e’ esclusa la somministrazione di bevande alcooliche di qualsiasi gradazione.

Scroll To Top